Ruling internazionale: gli aggiornamenti delle norme vigenti

Internazionalizzazione-e1443014977273

Novità per quanto riguarda il ruling internazionale. Con il provvedimento n. 42295 del 21 marzo viene attuata la disciplina introdotta dall’art.1 del DLgs. 147/2015 (il Decreto Legislativo che dispone le misure per la crescita e l’internazionalizzazione delle imprese).

Che cosa si intende con impresa con attività internazionale? Un’impresa del genere è un’azienda residente nel territorio italiano che, in alternativa o congiuntamente:

  • abbia un patrimonio, un fondo o un capitale partecipato da soggetti non residenti nel territorio dello Stato;
  • si trovi in una o più delle condizioni specificate nell’art. 110 comma 7 del TUIR, rispetto a società non residenti;
  • porti avanti la sua attività attraverso un’organizzazione residente in un altro stato;
  • abbia corrisposto o percepito dividendi, royalties o interessi da soggetti non residenti.

croppedimage701426-settimanacooperazione

Inoltre, riguardo agli accordi preventivi, gli ambiti di operatività si definiscono con:

  • la definizione in contraddittorio in via preventiva dei metodi di calcolo del valore normale di tutti i prezzi di trasferimento.
  • la preventiva definizione in contraddittorio dei valori d’uscita o d’ingresso in caso di trasferimento della residenza all’estero o in Italia
  • l’applicazione a un caso concreto di norme concernenti attribuzione degli utili e delle perdite all’organizzazione estera di un’impresa o ente residente in Italia di un soggetto non residente; erogazione o percezione di dividendi, interessi e royalties da soggetti non residenti;
  • la valutazione preventiva della sussistenza o meno dei requisiti che configurano una stabile organizzazione nel territorio dello Stato

Questo provvedimento definisce le modalità di prestazione della richiesta, le modalità di verifica dei termini, del sopravvenuto mutamento delle condizioni di fatto o di diritto dell’accordo e la procedura per ottenerlo. Esso si applica agli accordi preventivi anche già avviati e non ancora conclusi.

Come procedere?

Per accedere alla procedura le imprese devono consegnare o inviare tramite raccomandata (con avviso di ricevimento) un’istanza all’Ufficio Accordi preventivi e controversie internazionali della Direzione Centrale Accertamento dell’Agenzia alla sezione di Roma o di Milano. La richiesta deve contenere: i dettagli dell’impresa; l’indicazione dell’oggetto dell’accordo preventivo e la relativa descrizione; la documentazione attestante i requisiti; la firma del legale. Se tutti i dati saranno conformi, entro trenta giorni verrà comunicata l’ammissibilità dell’istanza; in caso contrario verranno dati ulteriori 30 giorni per procedere all’integrazione della stessa. L’istanza può essere dichiarata inammissibile qualora manchino gli elementi richiesti, la documentazione non sia idonea oppure qualora l’integrazione non avvenga  nei termini stabiliti.

L’internazionalizzazione è un’opportunità, ma è necessario conoscere tutte le norme per procedere in modo efficace. Il nostro studio può guidarti in modo sicuro verso i tuoi obiettivi, senza che tu ti debba preoccupare dei cavilli burocratici.

Lascia un commento

Desideri maggiori informazioni?

Dichiaro di aver letto l'informativa ed acconsento al trattamento dei dati ai sensi del D.lgs. n. 196/2003
Desidero essere contattato