Tag Archives: bail-in

funding

Previsto un calo degli spread dei finanziamenti per le aziende

L’annuncio dato recentemente da Mario Draghi, relativo a quatto operazioni di TLTRO pianificate tra giugno 2016 e marzo 2017, è un segnale potenzialmente molto positivo per gli istituti di credito e di riflesso anche per le aziende.

Grazie a questa manovra, le banche potranno ottenere finanziamenti a quattro anni, il cui tasso di partenza, da zero, potrà scendere fino a -0,4%.

La somma a disposizione degli istituti italiani potrebbe raggiungere i 320 miliardi di euro. Il funding partirà da un costo zero e, in caso di un aumento degli impieghi superiore del 2,5% rispetto al 31 gennaio 2016, è previsto un ristorno che potrà arrivare allo 0,40%.

Questi finanziamenti offriranno alle banche una vantaggiosa alternativa ai prestiti obbligazionari emessi per finanziare impieghi a medio-lungo termine, strumenti che avevano subito un rincaro dei rendimenti in seguito alle disposizioni sul bail-in. La nuova manovra, nonché l’attuale politica della BCE che contempla l’acquisto anche di Corporate Bond, ha invece provocato una netta discesa dei rendimenti delle obbligazioni bancarie.

finanziamenti_imprese

Salvo imprevisti, il costo del funding è destinato a scendere fino a giugno, il mese in cui è programmato il primo TLTRO, che potrebbe portare al superamento dei record di spread minimo toccati nell’estate del 2015.

Uno degli effetti possibili riguarda i margini di interessi, che dovrebbero crescere, però a patto che si verifichi anche un incremento contestuale dei volumi degli impieghi. L’auspicata ripresa stimolata dall’abbassamento dei tassi, inoltre, dovrebbe portare anche a una riduzione delle sofferenze bancarie, ma tutto dipende dalla domanda del mercato, che per ripartire ha bisogno di un indice di fiducia più elevato.

Nel breve periodo ciò che pare più probabile è la diminuzione degli spread per le imprese, nonostante l’aumento dei tassi risk free (Bund) e di quelli Irs e Euribor prospettivi. Ma tale rialzo è dovuto all’orientamento espresso da Draghi di non aver intenzione, in futuro, di abbassare ulteriormente i tassi, un’affermazione che i mercati hanno interpretato positivamente ritenendo che la nuova politica monetaria possa essere in grado di determinare lo sviluppo e l’inflazione desiderati.

Se ti interessa verificare quali sono le migliori opportunità di finanziamento per la tua azienda, ti conviene fissare un primo appuntamento gratuito con i nostri esperti.

zj42kn2xzlivgllfpa2u

Le turbolenze del settore bancario possono provocare rincari per le aziende

Le problematiche che le aziende devono affrontare nell’attuale panorama economico sono già numerose, ma a breve potrebbe aggiungersi un’altra: una maggiorazione delle spese di finanziamento. A causa della situazione instabile che sta caratterizzando il comparto bancario, gli istituti di credito infatti rischiano un aumento del costo del funding.

Prestiti-alle-imprese

L’introduzione della direttiva europea sul bail-in può essere considerata come una delle cause per cui i correntisti con saldi superiori ai 100.000 euro (la somma massima coperta da garanzia di rimborso in caso di fallimento della banca) stanno trasferendo parte della liquidità verso etf e fondi. Una delle conseguenze di tale trend è la riduzione delle riserve che il settore è in grado di destinare al finanziamento delle imprese.

Inoltre, le tensioni legate ai cali dei titoli bancari in borsa producono per gli istituti di credito aumenti di prezzi obbligazionari e CDS (credit default swap). Se dovesse proseguire questo andamento, inevitabilmente le aziende dovranno subire un aggravio dei costi di finanziamento.

Business team supporting green environment

Anche in tema di finanziamenti alle imprese, lo Studio Maurizio Godoli ha tutte le competenze necessarie per assistere le aziende e fornire le soluzioni più vantaggiose. Se ti interessa approfondire la ricerca di opportunità mirate per la tua azienda, puoi fissare un primo appuntamento gratuito tramite i contatti che trovi su questa pagina.

Desideri maggiori informazioni?

Dichiaro di aver letto l'informativa ed acconsento al trattamento dei dati ai sensi del D.lgs. n. 196/2003
Desidero essere contattato