Tag Archives: imposta

blacklist

Ecco le novità sulla tassazione delle “controlled foreign companies”, nei Paesi “black list”

Il D.Lgs. n. 147/2015, conosciuto come decreto per l`internazionalizzazione delle imprese, ha aggiornato la normativa relativa alle controlled foreign companies (CFC), risolvendo alcuni punti critici che caratterizzavano la disciplina precedente, soprattutto in merito ai dividendi provenienti da Paesi presenti nella black list.

Va ricordato che le disposizioni in materia di CFC riguardano i soggetti residenti in Italia che controllano, in modo diretto o indiretto, soggetti residenti o localizzati in uno degli Stati o dei territori della black list. Vengono inoltre applicate anche nel caso in cui i soggetti controllati non siano geograficamente riconducibili alla black list, ma si verifichino entrambe queste condizioni:

1) la tassazione effettiva imposta ai soggetti esteri controllati è inferiore di più del 50% rispetto a quella che dovrebbero corrispondere se fossero residenti in Italia;

2) oltre la metà dei proventi che i soggetti esteri hanno realizzato, è costituita da redditi “passivi” nei confronti delle società che ne detengono il controllo.

mondo1

Nel merito, mentre la disciplina antecedente prevedeva che la totalità degli utili delle società residenti in paesi black list venisse tassata in Italia in capo a tutti i soci, il decreto per l’internazionalizzazione ha specificato che tale reddito è riferibile invece solamente  al soggetto residente che ne detiene il controllo, eliminando quindi tutte le situazioni in cui il reddito veniva attribuito pro quota ai soci di minoranza.

Sui proventi delle società estere controllate, applicando il principio di trasparenza, il livello di tassazione è quantificato ora, con riferimento all’aliquota media relativa al reddito del soggetto nazionale, che in ogni caso non deve essere mai inferiore al 27% (nella precedente versione normativa il reddito era assoggettato a tassazione separata unicamente al 27%).

Inoltre secondo le nuove norme, il soggetto residente in Italia può (non è più obbligatorio) chiedere la non-applicazione della normativa CFC dimostrando di averne i requisiti di cui al comma 5 dell’art 167. con tale decisione si non applica la tassazione per trasparenza e vengono presi in considerazione i dividendi della società controllata. Dividendi, utili e plusvalenze vengono assoggettati a una tassazione che contempla due casi particolari:

1) se l’attività primaria della società controllata è di tipo industriale o commerciale (e si è quindi in presenza dell’esimente di cui al comma 5 lett. “a”, il dividendo che spetta al soggetto nazionale viene tassato in toto, concedendo tuttavia   un credito derivante dalle imposte versate all’estero;

2) se la società nazionale è in grado di dimostrare che non si avvale delle partecipazioni per veicolare i proventi in aree geografiche fiscalmente vantaggiose, il dividendo non viene associato alla disciplina che regola la black list e non è soggetto a norme particolari.

Business-Gears-630x315

Grazie alla novità del credito d’imposta è stata risolta la disparità di trattamento che la non-applicazione della normativa CFC comportava, in quanto tale scelta produceva una tassazione superiore rispetto a quella per trasparenza.

Se hai una partecipazione in una società estera o sei interessato ad acquisirla, chiedi un consiglio professionale: fallo, gratuitamente, durante un appuntamento con un nostro consulente.

ricerca_sviluppo

Chiarimenti sul credito d’imposta per attività di ricerca e sviluppo

Per molte aziende sono due parole che hanno un significato estremamente importante: ricerca e sviluppo. Con la circolare del 29 gennaio scorso Confindustria ha chiarito quali sono le spese effettuate in tale ambito che possono godere di agevolazioni relative al credito d’imposta. Le categorie principali sono tre: personale altamente qualificato (sia dipendente che non dipendente), strumenti e attrezzature di laboratorio, competenze tecniche e brevetti. Non si possono invece abbattere i costi per fabbricati e terreni, servizi di consulenza, spese generali e tutti i beni sotto i 2.000 euro.

La novità più rilevante consiste nell’aggiunta dei costi per i brevetti sviluppati internamente e per le licenze e i brevetti acquistati sul mercato.

ricerca e sviluppo

Per poter godere dell’agevolazione, viene richiesto che i costi siano “direttamente connessi” all’attuazione dei progetti di ricerca e sviluppo. Pertanto i costi definiti “indiretti” non vengono considerati. Tuttavia, dato il numero ristretto di costi contemplati , Confindustria ha precisato che tale norma non può essere ritenuta a sé stante, ma va contestualizzata.

Il credito d’imposta viene determinato in base ai costi di competenza sostenuti nel relativo periodo d’imposta.  Le imprese attive da prima del 2015 possono ottenere il credito d’imposta anche per investimenti “che risultino iniziati in anni precedenti” al primo periodo agevolabile.

Ricerca-e-innovazione

Se la tua azienda svolge attività di ricerca e sviluppo e ti interessa sapere quali sono le vostre spese che possono essere oggetto di agevolazioni fiscali, lo Studio Maurizio Godoli è a tua disposizione per fornirti una consulenza completa, offrendoti un primo appuntamento gratuito che puoi fissare semplicemente visitando questa pagina.

Desideri maggiori informazioni?

Dichiaro di aver letto l'informativa ed acconsento al trattamento dei dati ai sensi del D.lgs. n. 196/2003
Desidero essere contattato